Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Hieronymus Bosch e il basalioma

Servizi online

Salita al calvario

» Torna alla Galleria

















Salita al Calvario (Hieronymus Bosch, 1450-1516)

Pittore olandese, chiamato in Spagna con il nome di El Bosco ed in Italia come Bosco di Bolduc, fu autore di un gran numero di opere presenti oggi nei musei di molti paesi europei, a testimoniare la fama di cui godette in vita (vedi).

Le sue opere non sembrano risentire dell'influenza dell'arte classica ma descrivono invece paesaggi brulicanti di personaggi e animali fantastici. Una umanità trasfigurata, a volte dall'aspetto orribile, combattuta tra inferno e paradiso ed immersa in un'atmosfera enigmatica e quasi surreale.

La sua ultima opera, Salita al Calvario, conservata nel Museum voor Schone Kunsten di Gand in Belgio, raffigura un Cristo con la croce, attorniato da una folla che sembra ignorare il passaggio del Cristo. L'insieme è una composizione di teste rivolte in tutte le direzioni, tranne che verso l'uomo con la croce.

Uno dei personaggi, il primo in basso a destra, impegnato in una discussione animata con altri due grotteschi individui, presenta sulla fronte una lesione circolare, un evidente tumore cutaneo non melanoma: un basalioma.

Il basalioma (noto anche come carcinoma basocellulare o epitelioma basocellulare) è un tumore della pelle a malignità locale, che raramente origina metastasi, costituito da cellule simili a quelle dello strato basale dell'epidermide (da cui il nome).


Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email