Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Calcola il tuo Rischio Cardiovascolare

Servizi online

Utilizzando il calcolatore del Rischio Cardiovascolare è possibile calcolare il rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare nei prossimi 10 anni in un individuo asintomatico.

Sarà sufficiente inserire nel calcolatore i valori numerici dei fattori di rischio indicati per identificare gli individui ad alto rischio di malattia cardiovascolare.

1. Età:

età


2. Sesso:

sesso

3. Paese di origine:


europa


4. Colesterolo Totale:


colesterolo

mg/dl mmol/l


5. Pressione Massima (mmHg):


pressione sistolica

6. Fumatore:
fumo





Il rischio cardiovascolare

Le malattie cardiovascolari sono assai frequenti e rappresentano la principale causa di morte nei Paesi occidentali. Si tratta di malattie in parte evitabili attraverso cambiamenti negli stili di vita e la correzione di alcuni fattori di rischio.

I fattori di rischio cardiovascolare

I fattori di rischio sono particolari caratteristiche o condizioni che risultano statisticamente associate allo sviluppo di una malattia e che pertanto si ritiene possa concorrere alla sua insorgenza.

Nel caso di malattie cardiovascolari i fattori potenzialmente implicati possono essere controllabili (modificabili mediante opportuni cambiamenti nello stile di vita) oppure non controllabili.

Sono fattori di rischio controllabili:

  • Fumo
  • Diabete
  • Attività Fisica
  • Obesità
  • Dieta
  • Colesterolo
  • Pressione del sangue
  • Stress


Sono fattori di rischio non controllabili:

  • Età
  • Sesso
  • Familiarità


Le funzioni di rischio

Per valutare quello che viene definito il rischio globale assoluto di malattia cardiovascolare si utilizzano le cosiddette funzioni di rischio derivanti da studi longitudinali su gruppi di popolazione tenute sotto controllo nel tempo.

Gli studi longitudinali hanno portato all'identificazione di fattori importanti all'interno delle popolazioni quali fattori metabolici (colesterolo totale, colesterolo HDL, glicemia a digiuno), fattori biologici (pressione arteriosa) o legati allo stile di vita ( fumo di sigarette) oltre all'età ed al sesso.

Le principali funzioni di rischio utilizzate derivano da differenti studi: es. lo studio Framingham del 1998, lo studio PROCAM, il Seven Countries Study, il progetto RISKSCORE, il progetto SCORE, il progetto CUORE ed il progetto Nuova Zelanda.

Per il calcolatore del CentroStudi GISED è stato utilizzato un algoritmo derivante dallo studio europeo SCORE che comprende anche i dati del progetto italiano CUORE.

Il Progetto SCORE

Per valutare il rischio di malattia cardiovascolare nella popolazione europea il progetto SCORE (Systematic COronary Risk Evaluation), nell'ambito del programma BIOMED dell'Unione Europea, ha raccolto i dati derivanti da studi di coorte condotti in 12 paesi europei : in totale 205178 persone (88080 donne e 117098 uomini).

Le variabili considerate sono:

  • Sesso
  • Età
  • Colesterolo Totale o Rapporto Colesterolo Totale/HDL (Il colesterolo plasmatico totale dovrebbe essere inferiore a 5mmoli/l (190mg/dl) ed il colesterolo LDL dovrebbe essere inferiore a 3mmol/l (115mg/dl).
  • Pressione arteriosa sistolica (il rischio di malattie CV cresce all'aumentare della pressione sanguigna, valori di pressione sistolica sostenuta di 180mmHg e/o pressione diastolica di 110mmHg sono considerati ad alto rischio e suscettibili di opportuni trattamenti farmacologici)
  • Abitudine al fumo (Tutti i fumatori dovrebbero smettere di fumare)


Il rischio viene valutato per un periodo di 10 anni e gli end-point considerati comprendono:
mortalità cardiovascolare dovuta ad aterosclerosi, malattia ischemica del cuore, morte improvvisa.

La valutazione del rischio cardiovascolare totale viene fatta sulla base di apposite carte che misurano il rischio di eventi fatali nei successivi 10 anni in regioni europee ad alto o basso rischio.

Sono considerati ad alto rischio i paesi del Nord Europa mentre sono considerati a basso rischio i paesi dell'Europa meridionale (Belgio, Francia, Grecia, Italia, Lussemburgo, Spagna, Svizzera e Portogallo).

Soggetti particolarmente a rischio sono quelli che raggiungono o superano il punteggio complessivo del 5% o che potrebbero raggiungere tale livello negli anni seguenti.

Il rischio di malattia CV viene misurato a partire da 40 fino a 65 anni ed è considerato quasi nullo negli individui giovani, mentre aumenta all'aumentare dell'età.

Da notare che i pazienti con malattia coronaria, arteriosa periferica e cerebro-vascolare, ed i diabetici, sono considerati comunque ad alto rischio e quindi da trattare con i farmaci. Così sono ad alto rischio gli individui con un singolo fattore notevolmente oltre i valori normali.

Psoriasi e rischio di malattie cardiovascolari

La psoriasi non è solo una malattia della pelle. Numerose sono le condizioni patologiche che accompagnano le manifestazioni cutanee: artrite psoriasica, ridotta qualità della vita, depressione e malattie cardiovascolari.

Risultati recenti hanno dimostrato che i pazienti con psoriasi hanno un elevato rischio di sviluppare malattia cardiovascolare e sindrome metabolica. La sindrome metabolica è in generale definita come la presenza di 3 o più condizioni quali obesità addominale, insulino-resistenza , diminuzione del colesterolo HLD, aumento dei trigliceridi ed ipertensione. Individui con uno o due fattori di rischio per la sindrome metabolica hanno un rischio elevato di morte dovuto a malattie cardiovascolari.

La psoriasi grave che insorge in giovane età è inoltre associata ad un aumentato rischio di mortalità cardiovascolare ed infarto del miocardio.

Molti potrebbero essere i meccanismi implicati nell'osservato aumento di malattie cardiovascolari nei soggetti psoriasici. Ad esempio la psoriasi si presenta come una malattia infiammatoria cronica condividendo quindi numerose caratteristiche con la malattia cardiovascolare.

Spesso il dermatologo è l'unico medico che segue un paziente psoriasico, è importante quindi che i medici e soprattutto i dermatologi siano consapevoli dei potenziali rischi cardiovascolari associati alla psoriasi. Una corretta gestione dei fattori di rischio cardiovascolari potrebbe evitare l'insorgere o l'aggravarsi di malattie cardiovascolari nei pazienti con psoriasi.



Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email