Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Calcola l'Indice di Comorbidità di Charlson (CCI)

Servizi online

Il calcolatore del CCI

Completa i punti elencati e calcola l'indice di Comorbidità di Charlson e la sopravvivenza a 10 anni in pazienti affetti da comorbidità multiple:

Come nasce il CCI?

Il CCI (Charlson Comorbity Index) o Indice di Comorbidità di Charlson è stato sviluppato per la prima volta nel 1987 dalla dott.ssa Mary E. Charlson allo scopo di classificare le comorbidità che potrebbero alterare il rischio di mortalità... L'indice di comorbidità è stato sviluppato empiricamente, sulla base della mortalità misurata in un anno, all'interno di uno studio di coorte, su 604 pazienti ammessi al New York Hospital in un mese nel 1984. Successivamente l'indice è stato valutato, per la sua capacità di prevedere il rischio di morte da comorbidità, in una coorte di 685 pazienti trattati per tumore del seno allo Yake New Haven Hospital, tra il 1962 ed il 1969 (1).

Nella forma classica sono considerate 19 condizioni mediche (16 malattie di cui 3 sono stratificate secondo la gravità) a cui viene attribuito un peso variabile da 1 a 6 con un punteggio finale da 0 a 33. Il punteggio attribuito è correlato alla gravità della condizione, in particolare alla probabilità di morte entro un anno: la somma dei punteggi delle singole comorbidità permette di valutare l'impatto delle stesse sulla gravità della malattia. In seguito il CCI è stato aggiustato considerando anche l'età tra i fattori di rischio ottenendo così un indice combinato età-comorbiditàda 0 a 37 (2).

Sono state sviluppate varie versioni adattate a differenti usi, come ad esempio per archivi amministrativi o come strumento di auto-valutazione delle comorbidità (3,4).


Le comorbidità

Si definisce con il termine comorbidità "l'esistenza o il verificarsi di una qualunque entità aggiuntiva durante il decorso clinico di un paziente con una malattia" in poche parole la presenza nello stesso momento di più malattie che possono avere differenti livelli di gravità ed effetti differenti sulla salute dell'individuo.

Nel calcolatore CCI classico sono considerate le seguenti comorbidità con i relativi punteggi:

Condizioni considerate Punteggio Note
Infarto del miocardio 1 Attacco cardiaco del paziente o storia
familiare
Insufficienza cardiaca congestizia 1 Insufficienza cardiaca ad alta gittata
Malattia vascolare periferica 1 Malattia occlusiva delle arterie periferiche
Malattia cerebrovascolare 1 Processi mentali alterati con perdita di
memoria
Demenza 1
Malattia polmonare cronica 1 Malattia polmonare
Malattia del tessuto connettivo 1 Malattie del tessuto osseo, cartilagineo e
grasso
Ulcera peptica 1 Ulcerazione stomaco e/o intestino tenue
Diabete 1 o 2 1 diabete non complicato, 2 con danno
d’organo
Malattia renale moderata/grave 2 Funzione renale danneggiata
Emiplegia 2 Paralisi di una metà del corpo
Leucemia 2 Tumore del sangue che colpisce i globuli
bianchi
Linfoma 2 Tumore del sistema linfatico
Tumore solido 2 o 6 2 per ogni tumore, 6 se metastatico
Malattia epatica 1 o 3 1 per danno lieve, 3 per danno moderato/grave
AIDS 6 Sindrome da Immunodeficienza Acquisita

Il calcolatore consente di aggiungere anche l'età tra le condizioni da valutare. Si considerano 5 fasce di età attribuendo ad ognuna un punteggio da 0 a 4, in particolare:

da 0 a 40 anni 0 punti
da 41 a 50 anni 1 punto
da 51 a 60 anni 2 punti
da 61 a 70 anni 3 punti
oltre i 70 anni 4 punti

Per ogni condizione il calcolatore offre la possibilità di scegliere tra due risposte, SI o NO, e al termine si ottiene automaticamente un punteggio finale (S) che determina l'indice di comorbidità, cioè una misura dell'impatto che le comorbidità possono avere sulla salute del paziente.

Inoltre è possibile anche ottenere una stima della probabilità di sopravvivenza a 10 anni, calcolata usando la seguente formula: 0.983A, dove A = e(S x 0.9).

  1. Charlson ME, Pompei P, Ales KL, MacKenzie CR. A new method of classifying prognostic comorbidity in longitudinal studies: development and validation. J Chronic Dis. 1987;40:373-83.
  2. Charlson M, Szatrowski TP, Peterson J, Gold J. Validation of a combined comorbidity index. J Clin Epidemiol. 1994 Nov;47(11):1245-51.
  3. Hall WH, Ramachandran R, Narayan S, Jani AB, Vijayakumar S. An electronic application for rapidly calculating Charlson comorbidity score. BMC Cancer. 2004 ;4:94.
  4. Aslam F, Khan NA. Tools for the Assessment of Comorbidity Burden in Rheumatoid Arthritis. Front Med (Lausanne). 2018;5:39.



Aggiornato il 13 nov 2020  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter LinkedIn Email