Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Adolph von Menzel e la dermatoporosi

Servizi online

piede d'artista

» Torna alla Galleria















Il piede dell'artista (Adolph von Menzel, 1815-1905)

Il pittore Adolph Friedrich Erdmann von Menzel nacque in Polonia, nella città di Breslavia, nel 1815, e morì a Berlino, nel 1905.

Divenne famoso soprattutto come illustratore di vari libri di argomento militare dedicati a Federico il Grande. E fu il primo pittore a ricevere l'Aquila Nera, la più alta onorificenza cavalleresca istituita prima nel regno di Prussia e successivamente nell'impero tedesco, dal 1871.

Ma fu anche un pittore in grado di rappresentare eventi pubblici, scene di folla, ritratti personali, interni luminosi ed altro.

Tra le altre cose esistono alcuni dipinti in cui il pittore rappresenta parti del proprio corpo, come nell'opera intitolata " Il piede dell'artista", anno 1876, quando l'autore aveva 61 anni.

Il piede dipinto presenta le caratteristiche tipiche del piede di una persona che sta invecchiando: vene evidenti, chiazze sulla pelle, alluce incurvato, cute più fragile.

L'insieme di questi cambiamenti a carico della pelle, dovuti all'invecchiamento, vengono indicati con il termine di dermatoporosi. Si tratta di un termine introdotto di recente ed utilizzato per indicare che la pelle perde man mano le sue funzioni meccaniche e di protezione: un po' come succede con l'osteoporosi (1,2).

  1. Kluger N. Le pied de l'artiste d'Adolph von Menzel (1876): une représentation réaliste de la dermatoporose et de l'insuffisance veineuse [The Artist's Foot by Adolph von Menzel (1876): A realistic portrait of dermatoporosis and venous insufficiency]. Ann Dermatol Venereol. 2019;146:852-853.
  2. Dyer JM, Miller RA. Chronic Skin Fragility of Aging: Current Concepts in the Pathogenesis, Recognition, and Management of Dermatoporosis. J Clin Aesthet Dermatol. 2018;11:13-18.



Aggiornato il 04 ott 2021  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter LinkedIn Email