Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Pillole di Dermatologia - marzo 2012

Animali per studiare la scabbia

Pubblicata il 5/3/2012


scabbiaLa scabbia è una malattia cutanea infettiva causata da un acaro, il
Sarcoptes scabiei. La scabbia umana è molto diffusa nelle regioni poco sviluppate del mondo e, negli ultimi anni, tende a ricomparire anche nelle nazioni sviluppate. Gli acari del genere Sarcoptes possono infestare circa 40 differenti mammiferi tra cui cani, maiali, volpi e vombati (mammiferi marsupiali tipici dell'Australia).

Lo studio della scabbia è difficile: gli acari non sopravvivono senza un organismo ospite per più di 24-48 ore e non esistono metodi per propagarli in vitro. E' difficile anche raccoglierne in grande quantità: ne bastano meno di 20 per infestare un essere umano. I tentativi fatti per propagare gli acari su topi immunosoppressi non hanno avuto successo mentre esiste solo un altro modello animale nel mondo, acari di cane mantenuti su conigli in un laboratorio americano.

Un gruppo di ricercatori australiani ha cercato in natura un altro animale modello da utilizzare per lo studio della scabbia e lo ha individuato nel maiale. Il maiale infestato dalla scabbia presenta infatti modificazioni epidermiche, morfologiche ed immunologiche simili agli esseri umani. I risultati dello studio sono descritti in un articolo pubblicato su PLOS Neglected tropical Diseases. Gli autori sono riusciti ad ottenere una infestazione sperimentale di lunga durata (5 anni) di acari su 10 coorti indipendenti di maiali immunosoppressi (in tutto 32 animali).

In questo modo è stato possibile avere a disposizione un gran numero di acari per studi di espressione genica, sviluppo di nuove tecniche per misurare la sensibilità ai farmaci, sequenziamento del genoma degli acari della scabbia e localizzazione istologica di molecole coinvolte nell'evasione delle difese dell'ospite (1).

In due studi successivi lo stesso gruppo ha utilizzato il modello sperimentale sviluppato per studiare l'attività acaricida di composti a base di eugenolo (estratto dai chiodi di garofano) e del fluorazone, un inibitore della crescita degli acari (2,3).

A cura della Redazione scientifica.

  1. Mounsey K, Ho MF, Kelly A, Willis C, et al. A tractable experimental model for study of human and animal scabies. PLoS Negl Trop Dis. 2010 Jul 20;4(7):e756.
  2. Pasay C, Mounsey K, Stevenson G, et al. Acaricidal activity of eugenol based compounds against scabies mites. PLoS One. 2010 Aug 11;5(8):e12079.
  3. Pasay C, Rothwell J, Mounsey K, et al. An exploratory study to assess the activity of the acarine growth inhibitor,fluazuron, against Sarcoptes scabei infestation in pigs. Parasit Vectors. 2012 Feb 16;5(1):40.[Epub ahead of print]





Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email