Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Pillole di Dermatologia - dicembre 2016

Il 2016 del Centro Studi GISED

Pubblicata il 30/12/2016


2016 gisedVicini alla fine del 2016 cerchiamo di riassumere le principali attività del Centro Studi GISED.

Iniziamo dal tradizionale Meeting GISED, il XXXI Meeting Annuale GISED, che è stato ospitato dalla città di Torino nel mese di ottobre.

Nel 2016 è stato possibile visitare la mostra Arte e Pelle presso l'Ospedale San Raffaele a Milano e presso il PO Matteo Rota a Bergamo.


Le sezioni del sito

Aggiornate le numerose sezioni del sito. Aggiunte nuove Linee guida cliniche in dermatologia e tra i Progetti in corso, segnaliamo ancora:

Clicca il neo, uno studio diagnostico prospettico che ha come obiettivo principale quello di dimostrare la validità di un sistema di tele-dermatologia e che è stato affiancato da uno studio di validazione e da uno studio clinico condotto in collaborazione con l'AST di Bergamo;

Il sole per amico, uno studio epidemiologico sull'eccessiva esposizione ai raggi solari come fattore di rischio del melanoma e altri tumori cutanei che, iniziato l'anno scorso con la campagna informativa dell'IMI, è in corso di completamento con la raccolta e analisi delle schede distribuite ai bambini di varie scuole elementari in numerose regioni italiane.

e il nuovo progetto
Reactoo, uno strumento online creato dal CentroStudiGISED per raccogliere e catalogare le principali reazioni cutanee ai tatuaggi.

Ed infine lo
Studio di incidenza e prevalenza dell'Idrosadenite Suppurativa a cui parteciperanno i centri dermatologici di tre provincie: Bergamo, Ferrara e Cagliari.

Nella sezione Arte e dermatologia si possono vedere ora ben 51 dipinti di cui gli ultimi sette inseriti nel 2016.

Ogni mese abbiamo continuato a pubblicare aggiornamenti scientifici attraverso le nostre pillole, gli approfondimenti e le news di attualità e ricordiamo che
anche le pillole del 2016 saranno raccolte in un e-book liberamente scaricabile nella sezione Materiali Educativi del sito.

Il nostro viaggio attraverso Pelle, Cibo e Salute ha ampliato il suo percorso con l'aggiunta di nuovi approfondimenti dedicati al rapporto tra alcune malattie della pelle (acne, psoriasi e dermatite atopica) e l'alimentazione, sempre partendo dalle evidenze scientifiche più recenti.

Una delle sezioni più visitate del sito è certamente Il dermatologo risponde, come sempre sono state aggiornate le pagine delle singole condizioni dermatologiche con nuove terapie in studio e alcune delle domande più rilevanti inviate ai dermatologi del sito.

Oltre 2500 le domande fatte a
Il dermatologo risponde e circa 750 quelle che hanno ricevuto una risposta personale via email.

La sezione Clicca il neo ha ricevuto finora 966 foto di nei sospetti con 4 melanomi diagnosticati, mentre per Reactoo sono sette finora le reazioni ai tatuaggi segnalate.


I Social Network del CentroStudiGISED

Dal primo Gennaio del 2016 più di 715 mila utenti hanno visitato il sito del CentroStudiGISED, per un totale di quasi 860 mila sessioni e più di un milione di visualizzazioni di pagina.



visite sito

Sulla pagina Facebook sono quasi 700 gli utenti che ci seguono, mentre su Twitter (account @csgised) sono oltre 420 i cosiddetti follower.


Le pubblicazioni

I risultati degli studi condotti dal Centro Studi GISED o quelli a cui ha collaborato sono stati pubblicati da importanti riviste scientifiche internazionali:

Bencini PL, Guida S, Cazzaniga S, et al. Risk factors for recurrence after successful treatment of warts: the role of smoking habits. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2016 Dec 17.

Naldi L, Cazzaniga S, di Mercurio M, et al. Inequalities in access to biological treatments for psoriasis: Results from the Italian Psocare Registry. Br J Dermatol. 2016 Dec 14.

Davila-Seijo P, Garcia-Doval I, Naldi L, et al. Factors Associated with Receiving Biologics or Classic Systemic Therapy for Moderate-to-Severe Psoriasis: Evidence from the PSONET Registries. Acta Derm Venereol. 2016 Nov 24.

Garcia-Doval I, Cohen AD, Cazzaniga S, et al. Risk of serious infections, cutaneous bacterial infections, and granulomatous infections in patients with psoriasis treated with anti-tumor necrosis factor agents versus classic therapies: Prospective meta-analysis of Psonet registries. J Am Acad Dermatol. 2016;pii:S0190-9622(16)30590-4.

Cazzaniga S, Castelli E, Di Landro A et al. Development of a teledermatology system for the melanoma diagnosis. The pilot experience of the project Clicca il neo. Recenti Prog Med. 2016;107:440-3.

Di Landro A, Cazzaniga S, Cusano F, et al. Group for Epidemiologic Research in Dermatology Acne Study Group. Adult female acne and associated risk factors: Results of a multicenter case-control study in Italy. J Am Acad Dermatol. 2016 Aug 16.

Virgili A, Borghi A, Cazzaniga S,et al.; GLS Italian Study Group. New insights into potential risk factors and associations in genital lichen sclerosus: Data from a multicentre Italian study on 729 consecutive cases. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2016 Aug 12.

Bettoli V, Pasquinucci S, Caracciolo S, et al. The Hidradenitis suppurativa patient journey in Italy: current status, unmet needs and opportunities. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2016;30:1965-1970.

Naldi L. Conflicts of interest among academic dermatologists: freedom or constraint? Br J Dermatol. 2016;174:878-80.

Naldi L. [Italy of miracles. Does the renaissaince of Italian science pass by the Vatican?]. Recenti Prog Med. 2016;107:117-20.

Naldi L, Cazzaniga S. Author's Reply to the Response to the Commentary of Naldi and Cazzaniga Entitled 'Are All Screening Programmes Created Equal? The Case of Melanoma'. Dermatology. 2016 Apr 7. [Epub ahead of print]

Turati F, Bertuccio P, Galeone C, et al; HYGIENE Study Group. Early weaning is beneficial to prevent atopic dermatitis occurrence in young children. Allergy. 2016 Feb 19. [Epub ahead of print]

Naldi L, Cazzaniga S. Prediction of high total naevus count to estimate melanoma risk. We need more, don't we? Br J Dermatol. 2016;174:261-2.

Diepgen TL, Naldi L, Bruze M, et al. Prevalence of Contact Allergy to p-Phenylenediamine in the European General Population. J Invest Dermatol. 2016;136:409-15.

Modalsli EH, Åsvold BO, Romundstad PR, et al. Psoriasis, fracture risk and bone mineral density: The HUNT Study, Norway. Br J Dermatol. 2016 Oct 8.

GBD 2015 Mortality and Causes of Death Collaborators. Global, regional, and national life expectancy, all-cause mortality, and cause-specific mortality for 249 causes of death, 1980-2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet. 2016;388:1459-1544.

GBD 2015 Disease and Injury Incidence and Prevalence Collaborators. Global, regional, and national incidence, prevalence, and years lived with disability for 310 diseases and injuries, 1990-2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet. 2016;388:1545-1602.

GBD 2015 DALYs and HALE Collaborators. Global, regional, and national disability-adjusted life-years (DALYs) for 315 diseases and injuries and healthy life expectancy (HALE), 1990-2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet. 2016;388:1603-1658.

GBD 2015 Child Mortality Collaborators. Global, regional, national, and selected subnational levels of stillbirths, neonatal, infant, and under-5 mortality, 1980-2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet. 2016;388:1725-1774.

GBD 2015 Maternal Mortality Collaborators. Global, regional, and national levels of maternal mortality, 1990-2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet. 2016;388:1775-1812

GBD 2015 SDG Collaborators. Measuring the health-related Sustainable Development Goals in 188 countries: a baseline analysis from the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet. 2016 388:1813-1850.

Garcia-Doval I, Ingram JR, Naldi L, et al. Case reports in dermatology: loved by clinicians, loathed by editors, and occasionally important. Br J Dermatol. 2016;175:449-51.

Doerken S, Mockenhaupt M, Naldi L, et al. The case-crossover design via penalized regression. BMC Med Res Methodol. 2016 Aug 22;16:103.

Barbarot S, Rogers NK, Abuabara K, et al. Strategies used for measuring long-term control in atopic dermatitis trials: A systematic review. J Am Acad Dermatol. 2016 Aug 10.

GBD 2015 HIV Collaborators, Wang H, Wolock TM, Carter A, et al. Estimates of global, regional, and national incidence, prevalence, and mortality of HIV, 1980-2015: the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet HIV. 2016 Aug;3(8):e361-87.

Bencini PL, Tourlaki A, Tretti Clementoni M, et al. Double phase treatment with flashlamp-pumped pulsed-dye laser and long pulsed Nd:YAG laser for resistant port wine stains in adults. Preliminary reports. G Ital Dermatol Venereol. 2016;151:281-6.

Eissing L, Rustenbach SJ, Krensel M, et al. Psoriasis registries worldwide: systematic overview on registry publications. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2016 May 2.

Glauser S, Rutz M, Cazzaniga S, Hegyi I,et al. Diagnostic value of immunohistochemistry on formalin-fixed paraffin-embedded skin biopsy specimens for bullous pemphigoid. Br J Dermatol. 2016 Apr 23.

Christoph S, Cazzaniga S, Hunger RE, et al. Ultraviolet radiation protection and skin cancer awareness in recreationalathletes: a survey among participants in a running event. Swiss Med Wkly. 2016 Mar 21.

Stanganelli I, Naldi L, Falcini F, et al. Parental Use and Educational Campaigns on Sunbed Use Among Teenagersand Adolescents. Medicine (Baltimore). 2016 Mar;95(11):e3034.

Kaufmann RA, Oberholzer PA, Cazzaniga S, et al. Epithelial skin cancers after kidney transplantation: a retrospective single-centre study of 376 recipients. Eur J Dermatol. 2016 Mar 17.

Strober BE, Bissonnette R, Fiorentino D, et al. Comparative effectiveness of biologic agents for the treatment of psoriasis in a real-world setting: Results from a large, prospective, observational study (Psoriasis Longitudinal Assessment and Registry [PSOLAR]). J Am Acad Dermatol. Epub 2016 Feb 4.

Cazzaniga S, Ballmer-Weber BK, et al. Medical, psychological and socio-economic implications of chronic hand eczema: a cross-sectional study. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2016;30:628-37.

Modalsli EH, Snekvik I, Åsvold BO, et al. Validity of Self-Reported Psoriasis in a General Population: The HUNT Study, Norway. J Invest Dermatol. 2016;136:323-5.



Ed altro ancora che potrete scoprire direttamente sul sito, seguendoci su Facebook e su Twitter oppure iscrivendovi alla Newsletter del Centro Studi GISED.

Grazie a tutti e Auguri di Buone Feste dal Centro Studi GISED.





Alberi di Natale sulla pelle

Pubblicata il 16/12/2016


albero nataleTra le descrizioni fantasiose delle lesioni cutanee visibili ad occhio nudo spiccano le lesioni a forma di "albero di Natale" tipiche di alcune malattie dermatologiche.

La capacità di individuare con uno sguardo una particolare malattia si basa anche sulla conoscenza di questi disegni che si vengono a creare sulla pelle. Alcune malattie prediligono una specifica regione del corpo e le loro lesioni seguono linee virtuali che possono rappresentare i bordi delle aree colpite oppure indicare la direzione o l'orientamento di lesioni longitudinali lungo queste linee: ad esempio i dermatomi o zone di Head, le linee nevoidi di Blaschko e le linee di Langer.

Oltre a queste un piccolo gruppo di malattie cutanee si manifesta con lesioni cutanee multiple, in genere sul tronco, che disegnano forme a "albero di Natale", una definizione applicabile in realtà soltanto a quelle lesioni che occupano la regione toracodorsale o la parte superiore della schiena.

Questo modello a albero è correlato a malattie quali pitiriasi rosa e micosi fungoide, e può presentarsi anche in altre patologie con manifestazioni cutanee quali la sifilide, il sarcoma di Kaposi, la psoriasi esantematica nei suoi stadi precoci, la sindrome di Leser-Trelat, la dermatosi papulosa nigra e la risposta isotopica di Wolf.

In tutti i casi la forma ad "albero di Natale" sembra coinvolgere la disseminazione di leucociti attivati (1).

Un recente articolo pubblicato da Jama Dermatology ha cercato di scoprire l'origine di questa denominazione "natalizia" senza però riuscire a risolvere il mistero. La prima menzione risale al 1956 e da allora questo "eponimo" si è diffuso. Curiosamente gli autori hanno trovato un'altra definizione della stessa manifestazione: il "segno del baldacchino", proposto da due dermatologi francesi, Joseph Nicolas e Jean Rousset. Secondo i due dermatologi le lesioni secondarie della pitiriasi rosa si orientavano seguendo le linee di Langer formando sulla superficie un disegno che ricordava le tendine piegate di un baldacchino. Ma questa denominazione non sembra aver avuto molta fortuna (vedi qui).

A cura della Redazione scientifica.

  1. Wollenberg A, Eames T. Skin diseases following a Christmas tree pattern. Clin Dermatol. 2011;29:189-94.


Il primo EDEN-Forum

Pubblicata il 16/12/2016


edenIl gruppo di ricerca europeo EDEN (European Dermato-Epidemiology Network) non si definisce una società ma un gruppo di entusiasti con uno specifico interesse nella epidemiologia delle malattie cutanee, in particolare epidemiologia clinica, studi di intervento e studi clinici, prevenzione e altro.

La rete EDEN è presente in Francia, Germania, Italia, Olanda, Spagna, Svezia e Gran Bretagna ma vuole sicuramente ampliare il suo raggio di azione per ottenere i risultati prefissati dai suoi membri:

  • promuovere la ricerca in campo epidemiologico e condurre ricerca clinica di qualità;
  • migliorare il ruolo dell'epidemiologia nelle dermatologia;
  • condividere l'esperienza;
  • favorire il contatto con gruppi isolati;
  • disseminare informazione, condividere eventi e studi con operatori interessati;
  • insegnare, condividere, e guidare mediante conferenze triennali e un workshop annuale;
  • formare gruppi di progetto su scala multinazionale.


Il primo European Dermato-Epidemiology Network FORUM si terrà a Madrid (Spagna) dal 30 al 31 marzo 2017 e comprenderà un precorso sull'epidemiologia del cancro della pelle. Informazioni per aderire e partecipare al forum, programma scientifico preliminare e altre notizie si possono trovare qui.

A cura della Redazione scientifica.




La mente e il corpo

Pubblicata il 16/12/2016


Un filo sottile unisce la mente e il corpo influenzando lo stare bene o l'ammalarsi e questo vale sia per gli adulti che per i più giovani.

Uno studio di popolazione condotto utilizzando dati derivanti dal
National Comorbidity Survey Replication Adolescent Supplement (NCS-A), una indagine svolta tra 10.148 adolescenti americani con età compresa tra 13 e 18 anni, ha cercato di stimare l'associazione temporale tra disordini mentali e malattie fisiche in adolescenti con comorbidità mentali e fisiche. All'interno della popolazione totale gli autori hanno considerato un campione di 6483 partecipanti allo studio NCS-A per i quali genitori o tutori avevano completato un questionario auto somministrato (Self Administered Questionnaire-SAQ).

I disordini mentali sono stati divisi nelle seguenti categorie: disordini affettivi, disordini di ansietà, disordini di comportamento, disordini da uso di sostanze e disordini dell'alimentazione. Per quanto riguarda le malattie fisiche è stata valutata la presenza durante la vita e l'età di comparsa delle stesse sulla base di quello che avevano dichiarato gli stessi adolescenti. Malattie considerate erano: artrite, allergie stagionali, malattie cutanee, malattie cardiache, asma, diabete, malattie del sistema digestivo, epilessia e altre malattie fisiche.

Obiettivo dello studio era capire quale potesse essere l'associazione nel tempo tra malattie mentali e malattie fisiche, distinguendo ta possibili fattori di rischio e possibili conseguenze.

L'analisi dei risultati si può riassumere in questo modo:

  • se si considerano le malattie fisiche come conseguenza dei disordini mentali le associazioni più significative sono quelle tra disordini affettivi e artriti, tra disordini di ansietà e malattie della pelle e tra uso di sostanze e allergie stagionali;
  • se invece si considerano le malattie fisiche come fattori di rischio per le malattie mentali allora le associazioni più significative sono quelle tra malattie cardiache e disordini mentali in genere e disordini da ansietà, e tra epilessia e disordini dell'alimentazione.


Guardando in particolare il rapporto tra malattie della pelle e disordini mentali dallo studio risulta che l'ansietà in genere può precedere l'insorgere di disordini cutanei, cosa che era già stata osservata in studi precedenti che avevano evidenziato una connessione tra stati di ansia e dermatite atopica suggerendo possibili approcci terapeutici basati su psicoterapia e interventi educativi (1).

Una revisione Cochrane del 2014 ha analizzato studi con interventi educativi e psicologici in bambini con eczema atopico giungendo alla conclusione che, pur non potendo trarre conclusioni definitive dall'insieme dei lavori considerati, l'adozione di interventi educativi portava a miglioramenti nella gravità della dermatite atopica e qualità della vita dei bambini e delle loro famiglie. Un solo studio usava un approccio psicologico attraverso l'uso di due metodi di rilassamento (biofeedback e ipnositerapia) e mostrava di ridurre la gravità dell'eczema nel gruppo sottoposto ad intervento rispetto al gruppo di controllo, soggetto solo a discussione sulla malattia.

A cura della Redazione scientifica.

  1. Tegethoff M, Stalujanis E, Belardi A, et al. Chronology of Onset of Mental Disorders and Physical Diseases in Mental-Physical Comorbidity - A National Representative Survey of Adolescents. PLoS One. 2016;11:e0165196.



Aggiornato il 22 giu 2017  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email