Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Jacopo Tintoretto e la peste

Servizi online

San Rocco risana gli appestati

San Rocco risana gli appestati (Jacopo Tintoretto, 1518 - 1594)

Jacopo Robusti detto il Tintoretto, nato nel 1518 e morto nel 1594 a Venezia, è considerato l'ultimo dei pittori veneziani cosiddetti dell'età eroica. Figlio di un tintore veneziano, fece i suoi primi studi artistici con Tiziano ma ben presto la sua indole particolare lo portò a cercare una via tutta personale per la sua arte. La sua intensa e appassionata attività si manifesta attraverso una vastissima produzione pittorica, caratterizzata da una forte immaginazione accompagnata da una notevolissima tecnica.

Chiese e palazzi ospitavano un gran numero di ritratti e grandi tele di argomento sacro o pagano, frutto di una produzione continua che continuerà fino alla sua morte, aiutato anche dai figli Marietta e Domenico.

Tra il 1564 e il 1588 circa Tintoretto dipinge oltre 50 grandi tele sacre per la Scuola Grande di San Rocco, un antico edificio diventato sede della Scuola di una confraternita dedicata a San Rocco, santo venerato per le sue capacità taumaturgiche.

Nel 1549 Tintoretto dipinge una tela ospitata nel presbiterio della Chiesa annessa alla Scuola e intitolata San Rocco risana gli appestati. Si tratta di un dipinto ad olio di grandi dimensioni, 307 x 673 cm. La scena, immersa in una atmosfera notturna, presenta un gruppo di malati colpiti dalla peste che, evidentemente sofferenti, volgono il loro sguardo verso il santo attendendo il suo aiuto.

La peste o morte nera fu un vero flagello per l'Europa fino al secolo XVII. Tra il 1347 e il 1350 provocò circa 43 milioni di morti, quasi il 25% della popolazione europea. Malattia infettiva dovuta all'azione patogena del batterio Yersinia pestis, si può presentare sotto tre forme diverse: la peste bubbonica, caratterizzata dalla tumefazione delle linfoghiandole vicine al punto di inoculazione del germe con sintomi quali la comparsa di pustole, bubboni e petecchie visibili a livello cutaneo; la peste polmonare e la peste setticemica. Le tre forme possono coesistere.

Oggi la peste risulta endemica in alcune zone del mondo ma si manifesta solo in casi sporadici.


Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email