Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Iperidrosi

Servizi online

Iperidrosi

iperidrosiSi definisce iperidrosi una condizione di sudorazione eccessiva e non controllabile. Il sudore è prodotto dalle ghiandole sudoripare, presenti su tutto il corpo ma più numerose sui palmi delle mani e le piante dei piedi.

L'iperidrosi può essere localizzata a livello delle ascelle, palmi delle mani, piante dei piedi, viso ed altro oppure generalizzata all'intero corpo.
Tra le cause che possono determinare condizioni di eccessiva sudorazione le più comuni sono: caldo, esercizio fisico, febbre, ansietà e cibi piccanti. In genere la sudorazione diminuisce di notte e durante il sonno.
La causa esatta non è però conosciuta pur essendo nota una associazione ad uno stato di iperattività del centro di regolazione della temperatura corporea o dei nervi simpatici che regolano le ghiandole del sudore.
L'iperidrosi può interferire con le attività della vita quotidiana e determinare effetti collaterali a livello cutaneo quali dermatiti e infezioni secondarie.

Terapie in uso

Oltre a generici consigli utili a mitigare i sintomi della iperidrosi quali indossare abiti idonei, solette assorbenti nelle scarpe, utilizzare detergenti non-saponi, usare polveri assorbenti dopo il bagno, evitare cibi contenenti caffeina, i trattamenti possibili comprendono:

  • uso di antitraspiranti specifici senza profumi e a base di sali di alluminio;
  • ionoforesi, adatta per iperidrosi a livello della mani e dei piedi e che è possibile fare anche a casa con un apposito apparecchio;
  • uso di farmaci quali anticolinergici (propantelina, oxibuntina, glicopirrolato) che in alcuni casi possono avere effetti collaterali, betabloccanti, inibitori dei canali del calcio, antiinfiammatori non steroidei, ansiolitici;
  • iniezioni di tossina botulinica;
  • rimozione delle ghiandole sudoripare;
  • resezione dei nervi simpatici per via chirurgica o chimica, non sempre efficace.


Terapie in studio




Salve, sono una ragazza di ...anni e soffro da più di un anno di iperidrosi plantare e mi sta creando grossi problemi in quanto provo un fortissimo disagio e purtroppo non ho quasi più vita sociale. Sono stata da diversi dermatologi e ho provato diverse "terapie" ma senza alcun successo! Voglio risolvere definitivamente il mio problema, ho sentito parlare di simpatectomia, mi può dire qualcosa in più a riguardo? È pericoloso? Risolve il problema definitivamente? ... Tra poco è Natale e vorrei tanto indossare un paio di tacchi ma ho paura di fare qualche figuraccia! La ringrazio, cordiali saluti!

Con la simpatectomia si impedisce che giunga alle ghiandole sudoripare lo stimolo per funzionare, normalmente; è un intervento che dà buoni risultati e rari effetti collaterali, ma dovrà parlarne con il chirurgo che poi eseguirà l'operazione (perchè di interventi vero si parla). Purtroppo le rispondo dopo Natale, spero che le cose non siano andate così male come temeva. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Gentile dottore, ho ... anni e soffro da una vita di eccessiva sudorazione alle mani e ai piedi, si dice iperidrosi palmare mi pare. Per i piedi il problema lo risolvo con della polvere antitraspirante, ma per le mani con i primi caldi cominciano i dolori. Non che in inverno il problema non si presenti, ma in estate stringere le mani alle persone diventa un vero tormento per me, oltre a sopportare questa quasi continua umidità sui palmi. Escludendo a priori le soluzioni chirurgica e botulinica, leggo molto bene della ionoforesi a corrente pulsante che risolverebbe il problema alle mani, pur dovendo effettuarla tutti i giorni per le prime settimane e poi 1-2 volte alla settimana con un'apparecchiatura a casa. Mi dareste conferma in merito? E oltre alla ionoforesi esiste qualche lozione o crema davvero efficace per la sudorazione alle mani? Saluti

Per mia esperienza personale dovrebbe trarne qualche giovamento ma non si aspetti la risoluzione. Prodotti ne esistono ma per evitare la pubblicità non posso scriverli, il farmacista potrà aiutarla. Prof. Cleto Veller Fornasa - CentroStudiGised

 

Buon giorno, volevo cortesemente avere un consiglio riguardo a questo mio problema. Io sin da piccolo soffro di Iperidrosi alle mani e ai piedi, una cosa molto fastidiosa. Guardando un po' in internet, ho sentito che molte persone, per diminuire il problema si affidano alla Ionoforesi. Infatti dicono, che sottoponendosi ad alcune sedute, si possono avere buoni risultati (ovviamente non eterni), che durano anche un mese, tramite questo apparecchio chiamato ....
In pratica da delle piccole scosse che aiutano a ridurre la sudorazione senza effetti collaterali. Dicono che magari si possono avere le mani un po rosse, con qualche formicolio che piano piano va svanendo. Volevo chiederVi, è vera questa cosa che per ridurre l'Iperidrosi ci si può affidare a questo tipo di macchinario? Ed è vero che non esistono magari effetti collaterali molto più pericolosi di quelli che citano? Io sarei propenso all'acquisto se ne vale la pena, e se non metto a rischio la mia salute. Grazie mille, saluti

Sinceramente non conosco questa apparecchiatura, in linea di massima la ionoforesi non dà problemi,prima però perchè non prova in qualche istituto dove la applicano?
Prof. Cleto Veller Fornasa CentroStudiGised

 

Egregi dottori avrei da porvi un quesito...ho ... anni e da qualche anno forse in seguito ad un evento luttuoso o forse a causa di problemi alle ovaie (non ho fatto controlli approfonditi) soffro di acne cistica. La mia domanda è: può esistere un collegamento fra i pori dilatati del viso e i pori dilatati di mani, piedi e ascelle che mi provocano iperidrosi, crescita velocissima dei peli e immediate sensazioni di caldo (sudorazione) e freddo (pelle d'oca istantanea). Spero di essere stata chiara. Ringrazio anticipatamente.

In genere chi soffre di Acne non ha anche l'iperidrosi, ma sarebbe utile, se non l'ha mai effettuato, eseguire un dosaggio dei livelli di Testosterone, che potrebbe essere la causa della persistenza dell' acne e anche della tendenza alla seborrea e all'iperidrosi. Dott.ssa Anna Di Landro Bg - CentroStudiGised

 

Gentile dottore, dall'anno scorso, durante la bella stagione, avverto un fastidioso prurito generalizzato ad entrambi i piedi soprattutto nelle ore serali. I piedi non riportano lesioni di nessun tipo, la pelle risulta però molto secca. Il prurito si allevia leggermente applicando una crema idratante ma il problema persiste. Cerco di portare il più possibile delle ciabatte in modo da far respirare i piedi durante il giorno ma la sera, soprattutto quando mi corico, il prurito diventa insopportabile tra le dita e sul fianco interno ed esterno del piede. Può essere un problema legato all'eccessiva sudorazione durante i mesi estivi visto che questo non si verifica durante la stagione invernale? Come posso fare per ovviare al problema? Ho letto che durante la sera vi è un'altra produzione di istamina, sostanza alla quale sono risultata allergica durante i pric test può esserci una correlazione con il mio problema? Grazie

Il suo sintomo, prurito ai piedi senza lesioni in atto, è proprio legato ad un'irritazione della pelle da ipersudorazione (iperidrosi) ed effettivamente il sintomo si avverte di più nelle ore notturne, quando ci si rilassa e si "ascolta" di più che non nella giornata il nostro corpo. Dei bagni rilassanti e riducenti l'iperidrosi la potranno aiutare, come pure l'assunzione di un antiistaminico la sera (Cetirizina, oxatomide)e l'applicazione di un blando topico steroideo. Dott.ssa A. Di Landro - CentroStudiGised

 

Salve, vorrei sapere che rimedi poter adottare per una iperidrosi palmare e plantare che mi tormenta da parecchi anni e che so già che peggiorerà con l' arrivo della bella stagione. Grazie.

Per l'iperidrosi palmo-plantare si possono tentare diverse strade che vanno dall'applicazione locale di creme o lozioni che hanno un effetto riducente l'ipersudorazione, a cicli di ionoforesi che si deve eseguire 2-3 volte la settimana con apparecchi ad hoc per mani e piedi, alla terapia con botulino, che consiste nell'iniettare la tossina botulinica proprio localmente ottenendo un blocco delle terminazioni nervose che determinano il problema. Dott.ssa A. Di landro – CentroStudiGised


Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email