Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Herpes zoster

Servizi online

Herpes zoster

herpes zoster L'herpes zoster (HZ) o fuoco di Sant'Antonio è un'infezione acuta associata alla riattivazione del virus varicella-zoster (VZV); è caratterizzato da dolore monolaterale e da un'eruzione vescicolosa o bollosa limitata al territorio di innervazione di un nervo sensitivo (dermatomero). La complicanza più importante è rappresentata dalla nevralgia post-zosteriana, con dolore che persiste per mesi dopo la guarigione delle lesioni cutanee.

Terapie in uso

Per alleviare il dolore si possono usare analgesici mentre la terapia si avvale dell'uso di antivirali sistemici (famciclovir orale, valaciclovir e aciclovir). Il controllo della nevralgia post-erpetica richiede un'adeguata terapia del dolore.

Terapie in studio



Salve ho ... anni e mi hanno diagnosticato il fuoco di sant’Antonio sulla clavicola sinistra, non ho forte dolore nè prurito mi brucia solo. Sono commessa e lavoro in un negozio molto freddo e sono stressata, tutto ciò ha contribuito a questo? Soprattutto è contagioso? Posso lavorare? Mi hanno prescritto un antivirale e una crema per una settimana.

Per contatto può trasmettere la varicella a chi non l'ha mai avuta poichè si tratta dello stesso virus. Lo stress fisico e psichico possono essere fatti influenti sulla comparsa della sintomatologia.  Prof. CletoVeller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Buona notte dottore, mia mamma ha da poco contratto l'herpes zoster lungo la spalla sinistra, lo stesso braccio ed al collo, in quest'ultimo accusa forti dolori e soprattutto da tre giorni ha lancinanti dolori alla testa, fortissimi mal di testa, volevo chiedervi se poteste aiutarmi a capire, se devo preoccuparmi per questi mal di testa che non passano con nulla, le ho fatto pure una puntura di toradol ma niente. Vi prego aiutatemi, mi sento impotente nel non sapere cosa fare per farla stare meglio, la sua dottoressa le ha prescritto da mercoledì, quindi sono circa 3gg che li assume, un antivirale, due bustine per calmare i dolori, ed una pomatina da mettere ogni 4 ore. Vi prego ditemi se è il caso di allarmarsi grazie. Aspetto vs notizie.

Non si allarmi, può assumere 25 mg di prednisone per qualche gg. Potrebbe essere utile anche se cortisone. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Salve ho ... anni e sono 6 mesi che il dolore post fuoco di Sant'Antonio mi tortura, ho preso un mare di anti dolorifici, ma il dolore non tende a diminuire, cosa mi consiglia di fare? Grazie spero in  una sua risposta. Buona giornata.

Proverei con del cortisone per bocca almeno per 20 gg, o consultare un neurologo anche per terapie fisiche possibili. Prof. Cleto Veller Fornasa - CentroStudiGISED

 

Buongiorno, ho ... anni, mi è stato diagnosticato il fuoco di sant'Antonio, le premetto che ho iniziato ad avere dolore al nervo sciatico, e il mio medico mi ha prescritto 6 punture di ... (a base di diclofenac sodico) e ... (a base di tiocolchicoside) ma senza avere risultati, il dolore era sempre presente. Dopo 4 giorni di punture, sul collo del piede e al lato mi sono comparse delle vescicole, dopo 5 giorni dalla comparsa di queste mi sono recata dal medico, perchè avevo ancora forti dolori alla caviglia, ero ignara di essere stata contagiata dal virus altrimenti sarei andata prima. Il medico non mi ha dato nessuna cura, al bisogno devo prendere degli antidolorifici. È giusto che non devo prendere niente di antivirale? La vitamina B posso prenderla? Comunque la notte non riposo bene dal dolore al piede e ho una spossatezza generale, fra quanto passerà?

In realtà gli antivirali vanno somministrati entro le prime ore, se possibile, dalla comparsa della sintomatologia. La Vit. B12 va molto bene, per quanto riguarda la durata dei sintomi extra cutanei non posso essere preciso essendo essa assai variabile da caso a caso. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Buongiorno, mio marito (...anni) è da circa 13 giorni a casa afflitto da un herpes zoster al nervo sciatico. La terapia antivirale, iniziata puntualmente, dopo la diagnosi del medico, ha portato ad una progressiva remissione dell'eruzione cutanea alla natica destra (si sono formate gìà le croste). Ma il dolore acuto presente sin dall'esordio continua a persistere coinvolgendo tutta la gamba ed in modo particolare la parte esterna della caviglia. La nevralgia non gli permette di stare in piedi a lungo e la terapia analgesica (paracetamolo 3 volte al dì), iniziata solo da qualche giorno non sortisce grande effetto. Le chiedo: è normale che il dolore acuto persista ancora in questa fase, oppure si può già parlare di nevralgia post-erpetica? La ringrazio anticipatamente per la risposta.

È ancora presto per trattarsi di sintomo post erpetico. Può aggiungere complesso B ad alte dosi ed eventualmente, tra qualche giorno una blanda dose di steroide X os. Prof. Cleto Veller Fornasa -Centro Studi GISED

 

Il dolore post erpetico può essere associato a febbre? Può colpire zone non interessate direttamente dall' Herpes Zoster ma attigue?

Febbre no, a meno che non sia cominciata con l'herpes, le zone attigue possono "sembrare" doloranti per diramazione. Prof. Cleto Veller Fornasa Centro Studi GISED

 

Buongiorno, mi è stato diagnosticato il fuoco di sant'Antonio, date le cure del caso e detto che potevo andare al lavoro. Quando ho detto la diagnosi dal lavoro mi hanno spedita a casa dicendomi che sono infettiva, e raccontandomi che il loro figlio quando aveva ... anni ed era stato a contatto con il nonno che aveva il fuoco di sant'Antonio e si era ammalato anche lui, anche se bimbo, di fuoco di sant'Antonio. Vorrei chiedervi se può essere, ho visitato siti, ho chiesto al mio medico ma ovunque leggo che dal fuoco si può contrarre solo la varicella, può aiutarmi a capire?

È così, chi ha già avuto la varicella è immune e non viene contagiato, chi non l'ha avuta viene contagiato e sviluppa varicella. L'herpes zoster è per la singola persona una riattivazione del virus della varicella manifestata anni prima. Una persona al suo primo "incontro" con il virus potrà manifestare solo varicella. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Salve, ho mia madre dell'eta di ... anni che tre anni fa ha contratto herper zoster agli organi genitali. Purtroppo non si è più ripresa, le conseguenze sono tante tra cui la nevrite all'inizio dell'ano. Questo comporta forti dolori che cura con una iniezione al giorno di toradol o voltaren. Non riesce a sedersi bene nè a stare troppo sdraiata. Ha visto soltanto una ventina di medici con svariate cure che non hanno portato a nessun risultato anzi peggiorato la situazione su altri fronti. Siamo disperati poichè non si riesce a trovare una via d'uscita, volevamo farla ricoverare ma non è possibile poiche non ha una patologia da ricovero. Cosa dobbiamo fare? Vi prego di poterci consigliare e rispondere al piu presto possibile. Grazie

Se non avete provato la somministrazione di cortisone per un certo periodo, credo valga la pena di tentare. Esistono poi delle terapie strumentali o anestesiche (agopuntura ecc.) che danno buoni risultati. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Salve sono una donna di ... anni, ho sulla scapola destra una manifestazione di vescicole. Il dottore mi ha detto che si tratta di herpes zoster. Sto facendo un cura di aciclovir. La macchia è molto piccola e non si è diffusa però ho forte prurito intorno alla zona e anche sulla spalla e al seno omolaterale: è normale o devo preoccuparmi? Finita la cura sono ancora contagiosa? Ed è vero che quando si formano le croste non si è piu contagiosi? Devo fare una nuova visita per conferma di guarigione? Grazie

Si consideri guarita alla scomparsa delle manifestazione, ricordi che lo zoster contagia di varicella chi non ha avuto questa malattia. per gli altri non è contagioso Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Salve, mi è stato prescritto l'aciclovir in quanto sono affetta da herpes zoster con bollicine che si estendono sotto il seno sinistro fino a metà torace. Ovviamente ho dolori, un po' di febbre e tutto cio' che è immaginabile... Desidero sapere, se possibile, per quanto tempo non potrò espormi al sole? Ma se la parte è coperta, posso prendere un po' di sole nelle ore meno calde? In attesa di una gradita Vs. porgo distinti saluti

Il sole lo prenda solo quando residueranno delle macchie. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Buonasera ho ... anni e ... anni fa ho avuto il primo episodio di Herpes Zoster nella zona del Collo/mandibola. Ho avuto un paio di lievi recrudescenze sempre nella stessa zona, solo con comparsa di alcune vesciche, mentre lo scorso gennaio ho avuto un episodio più intenso con dolore associato anche all’orecchio che ho trattato con aciclovir e per qualche tempo con vitamina B. Ora a distanza di qualche mese mi è rimasta una certa dolenzia latente. Posso proseguire con la vitamina? Oppure mi consigliate un diverso approccio? Grazie anticipatamente.

Le consiglierei di rivedere la diagnosi (herpes simplex?) visto che lo zoster viene normalmente una sola volta nella vita. Continuare la vitamina è possibile. Prof. Cleto Veller Fornasa- CentroStudiGISED

 

Buongiorno, ho avuto contatto diretto con una persona affetta da herpes zoster alla quale facevo le medicazioni toccando le vesciche sulle quali applicavo la crema specifica per la cura. Al termine di ogni medicazione ho disinfettato le mani (non ho usato guanti). Da questi contatti diretti con le vesciche è possibile che venga contagiata da tale malattia? E per evitare che ciò avvenga cosa posso fare adesso? La cosa mi inquieta e vorrei essere rassicurata in modo obiettivo. Grazie anticipatamente per la risposta

Da una persona con zoster chi non ha avuto la varicella può contrarre la varicella, chi l'ha avuta non contrae nè questa nè lo zoster. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Salve, circa un anno fa ho avuto herpes zoster, i miei sintomi erano sulla spalla sx all'altezza delle costole avevo un gonfiore e delle macchie e un bruciore interno, ho fatto la cura ed è passato. Dopo un anno ho la spalla che mi fa male, brucia di dentro:  pensate che mi sta venendo herpes zoster di nuovo. A quale specialista mi devo rivolgere per curare herpes zoster...distinti saluti

L'Herpes Zoster viene una sola volta nella vita bisogna quindi correggere la diagnosi di allora o di ora o entrambe. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Nel ... ho avuto l'herpes zoster addominale. Al Pronto Soccorso mi fu diagnosticato, causa i forti dolori, una lombosciatalgia e curata come tale per tre giorni. Poi si evidenziò l'herpes in modo davvero devastante. A distanza di tanto tempo ho ancora dolori a tutto il nervo da metà addome a metà schiena. Non assumo (da qualche mese) nè antidolorifici nè ...(a base di pregabalin). Ci sono novità per il mio problema? UN GRAZIE "ENORME"

Potrebbe assumere dosi relativamente basse di steroidi (prednisone 25 mg/die) per una quindicina di gg e poi diminuirlo progressivamente. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Nel luglio ... ho contratto l'herpes zoster a livello delle vertebre C5 e C6 che mi ha lasciato una neuropatia al deltoide, bicipite e tricipite. Ho seguito una terapia di anticonvulsivi (...) ed integratori senza alcun risultato ed ora sono passata agli antidepressivi (...), ma il dolore e' ancora fortissimo. Devo continuare ancora? Ho ancora qualche speranza? Con il freddo poi sto anche peggio. Ho 72 anni. Grazie

Credo che una terapia fisica e/o un neurochirurgo potrebbero dare giovamento. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Mia figlia di ... anni è infetta da Herpes Zoster, abbiamo avuto tutti in famiglia la varicella per fortuna. Vorrei sapere se c'è rischio di contagio visto che mia figlia va comunque a scuola e se può essere in contatto con bambini che non hanno avuto ancora la varicella. Lei prende un farmaco da 3 giorni, 3 volta al giorno il ... (un antiretrovirale a base di valaciclovir); quando inizierà a fare effetto visto che ha dolori ? Grazie mille.

Può contagiare i bambini che non hanno avuto la varicella. I dolori nei bambini in genere non sono importanti, comunque può anche associare qualche antalgico ad uso pediatrico. Prof. Cleto Veller Fornasa - CentroStudiGISED

 

Gentile dottore ho appena fatto degli esami sul virus varicella zooster e mi hanno dato questo esito: sierologia IgG anti VARICELLA ZOOSTER (metodo chemiluminescenza) 1087 < 165 mIU/mL IgM ANTI VARICELLA ZOOSTER (metodo chemiluminescenza) ASSENTI commento Varicella PREGRESSA ESPOSIZIONE potrebbe spiegarmi il significato di questi esiti? Scusandomi per il disturbo la saluto cordialmente e la ringrazio per la sua disponibilità

Significa che Lei ha avuto la varicella nel passato e che oggi non dovrebbe avere l'herpes zoster. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Buon giorno, sono una ragazza di ... anni, malata di lupus da 9. Da 2 anni non vivo più, ho iniziato ad avere dei dolori fulminanti al torace ed al seno destro. Hanno riscontrato HERPES ZOSTER interno perchè io sulla pelle non ho mai avuto nessuna eruzione cutanea: è possibile questo? Mi sono curata con (... a base di pregabalin) ed ora con (... a base di ossicodone) ma continuo ad avere ancora dolori. E’ possibile dopo due anni avere ancora questi dolori così accentuati. Mi hanno parlato di nevralgia post erpetica e ora sto iniziando l'agopuntura, secondo voi posso risolvere? Vi prego di aiutarmi non ce la faccio più vi prego rispondetemi subito

Esiste sia lo zoster sine zoster che la nevralgia posterpetica. Credo che lo specialista giusto possa essere il neurologo /neurochirurgo. Prof. Cleto Veller Fornasa - Centro Studi GISED

 

Salve, mio padre di anni ..., ad agosto ..., ha contratto herpes zoster, dopo aver girato vari medici inutilmente, ci siamo rivolti ad un neurologo, che dopo quattro mesi di sofferenza acuta, ha placato i forti dolori di mio padre. Oggi, a quasi un anno mio padre ancora accusa forti dolori, e non può ancora farsi sfiorare da alcun tipo di tessuto, perchè gli dà enormemente fastidio. Il neurologo dice che mio padre potrebbe avere ancora qualche strascico della malattia, cosa posso fare per mio padre per non vederlo più soffrire così. Che cosa mi può consigliare di fare GRAZIE ANTICIPATAMENTE PER LA RISPOSTA.

Purtroppo la nevralgia post-erpetica è una frequente sequela dell'herpes zoster. La terapia di questo tipo di dolore (che è un dolore neuropatico) non è facile. Possono essere considerati farmaci antidepressivi triciclici, antidolorifici. Le consiglierei di rivolgersi ad un centro di terapia del dolore. Dr. Lorenzo Peli - dermatologo - GISED

 

Da un paio di giorni prima a mia moglie e poi a me sono comparse dei punti dolenti sulla lingua come se alcune papille fossero edematose. A casa ho mio figlio con la varicella, lei ha gia’ risposto che non vi e’ rapporto, ma anche a lui qualche giorno prima delle manifestazioni cutanee erano comparse delle lesioni sulla lingua. Stranamente ho anche notato che al mio nipotino e’ stata diagnosticata una stomatite, ma mi sembra strano il rapporto, dato che con lui nè io nè mia moglie scambiamo cose che possano infettarci reciprocamente. Gradirei sapere la sua opinione, grazie e saluti.

Non si può negare che possa esistere una correlazione, in quanto i virus danno manifestazioni anche al cavo orale, come il virus varicella-zoster. L'infezione si diffonde per contagio respiratorio, la varicella rappresenta l'infezione primaria, in genere nel bambino; una viremia fugace può dare minime manifestazioni come quelle avute da voi adulti, dove in genere la riattivazione del virus dà un Herpes Zooster. Cordialità, Dott.ssa Anna Di Landro - GISED

 

Vorrei notizie piu' precise sull'herpes zoster. Attualmente sto prendendo ... da 10 gg, senza risultato. La zona maggiormente colpita e' l'interno delle orecchie. Grazie

L'herpes zoster è un'infezione dovuta al virus varicella-zoster, che da bambini da la varicella, rimane poi silente nell'organismo nei gangli nervosi e quando si riattiva da l'herpes o fuoco di S.Antonio. In genere il quadro è doloroso, il dolore varia comunque da persona a persona e sembra aumentare con l'età. Le lesioni cutanee, vescicole, regrediscono in circa 15 gg, il pericolo è che residui la nevrite, e cioè l'infiammazione del nervo che si trova al di sotto della zona interessata, con dolori. La terapia che sta facendo è la più indicata; se il dolore è forte associ antidolorifici e se le persiste dopo la guarigione della pelle consulti un neurologo. Cordialità, Dott.ssa Anna Di Landro - GISED

 

Spett.le Dott., sono un ragazzo di ... anni, da qualche giorno ho contratto l’ herpes zoster comunemente chiamato fuoco di Sant’Antonio localizzato sulla spalla sx, petto, base del collo e deltoide. Il medico mi ha spiegato che il decorso di tale patologia ha la durata di circa 1 o 2 settimane, ma mi ha altresì informato che occorre altro tempo prima di poter essere sicuri che la malattia possa ritenersi curata. La mia domanda che mi pongo e vi giro è la seguente: posso io contagiare altri e se si in che modo? Tale interrogativo mi si pone dato che lavoro e vivo in caserma, quindi divido spazi con altri. Ringraziandovi anticipatamente vi porgo distinti saluti.

Il quadro non è considerato strettamente contagioso, ma se qualche tuo compagno non ha avuto la varicella potrà svilupparla, in quanto l'infezione è legata al virus varicella-zoster, che in genere prima, nell'infanzia da la varicella, e poi l'herpes zoster. Cordialità, Dott.ssa Anna Di Landro - GISED

 

Ieri, dopo quattro giorni di sofferenza e delle vesciche a grappolo sulla natica sinistra oltre ad un eritema sul fianco sinistro interpretate dal mio medico di famiglia come reazione allergica, mi è stato diagnosticato un herpes zooster ed il dermatologo mi ha prescritto una cura di 7 giorni con ... assicurandomi che nel giro di poco più di una settimana posso considerarmi guarita e che il pericolo di recidive è molto basso. Posso fidarmi di queste parole o devo considerale solo un tentativo di rassicurare chi ormai sta vivendo una situazione difficile e poco rosea? La ringrazio per la risposta e la saluto.

Senz'altro Le è stata data una terapia corretta ed è vero che in genere in 10-15 gg la pelle guarisce completamente, con qualche esito rossastro che lentamente regredirà. Il rischio è solo quello che persista una neurite post-erpetica, che in genere si verifica nei casi molto dolorosi dall'inizio. Per questo rischio si può associare un preparato a base di vitamine del gruppo B per circa 15 gg. Cordialità, Dott.ssa Anna Di Landro - GISED

 

Egregio Dottore, mio figlio di ... anni ha avuto ca. 3 settimane fa la varicella (con caratteristiche standard e diagnosticata dal medico). Mi aspettavo gli stessi sintomi per mia figlia di ... anni ma lei, a distanza di 15 giorni dal fratello, ha avuto solo qualche linea di febbre per un giorno ed in seguito delle macchiette rosse (poche) che non arrivano a maturazione (con la vescichetta). A dire la verità, dopo 3 giorni stanno quasi regredendo. E' giusto pensare che si tratti di una forma leggera? Grazie mille.

Certo, se proprio non si è formata la vescico-pustola è difficile dire sicuramente che si è trattato di una forma minima di varicella; altri virus possono dare le manifestazioni avute da sua figlia, per cui rimane il tutto nel dubbio. Cordialità, Dott.ssa Anna Di Landro

 

Salve, mia madre ha contratto da qualche giorno l'herpes zoster su di un fianco...volevo sapere dato che ho un bimbo di ... mesi, che è stato a contatto (non stretto) con mia madre fino ad una settimana fa se può esserci il rischio che contragga la varicella e se io stando a contatto con mia madre e dopo con il mio bimbo posso fare da "portatore sano" e trasmettere la varicella a mio figlio. In più Vi chiedo le precauzioni da usare per chi ha contratto herpes zoster. Mille grazie

Per evitare la neurite post-herpetica, caratterizzata da dolori e parestesie in sede di interessamento cutaneo da herpes zooster, bisogna seguire le cure con scrupolo, evitare strapazzi fisici per alcune settimane e il freddo. Il suo bambino potrebbe sviluppare la varicella, ma non è detto, perchè questo dipende da diversi fattori, come la carica virale, lo stato immunitario di suo figlio ecc. ed ancora più difficile è che lei faccia da tramite. Cordialità, Dott.ssa A. Di Landro - GISED

 

Salve una piccola precisazione sul fuoco di S. Antonio, leggo che le altre persone che l'hanno contratto avevano vesciche etc mentre mia madre aveva qualche bollicina sulla zona e basta, in più può verificarsi a causa del suddetto una qualche macchia risultante da una tac al pancreas? Mille grazie

No, non ci sono connessioni con il pancreas. Le lesioni elementari dell'herpes sono le vescico-bolle, che possono essere più o meno grandi e avere dei quadri più o meno importanti da un paziente all'altro, così come anche il dolore può variare. Dott.ssa Anna Di Landro - GISED

 

Sono un signora di 40 anni, e ho avuto la varicella. Vorrei sapere se è sconsigliato prendere il sole, dopo quanto tempo bisogna esporsi. Grazie

Non specifica quando ha avuto la malattia; è comunque importante che le lesioni siano regredite completamente e non ci siano più esiti squamo-crostosi in atto per il rischio di sovrainfezioni batteriche. Aspetti al meno 30-40 gg dalla fase acuta. Cordialità, Dott.ssa Anna Di Landro - GISED

 

Salve, sono un ragazzo di ... anni poco tempo fa ho avuto la varicella, le crosticine che si erano formate involontariamente mi capitava che lavandomi la faccia o indossando una maglietta mi cadevano, ora mi sono rimaste della macchie scure con un cratere in mezzo. Vorrei sapere se almeno le macchie spariranno. Grazie

Avresti dovuto evitare il mare e la fotoesposizione per almeno 4-5 settimane dopo la fase crostosa. Le macchie regrediranno, ma ci vorrà più tempo del normale. Niente sole ancora per un buon mese. Cordialità, Dott.ssa Anna Di Landro - GISED

 

Vorrei avere delle informazioni in merito all'herpes zoster. Sono due giorni che ho la manifestazione cutanea e vorrei sapere se é possibile andare al mare e fare dei bagni. Grazie

E' meglio evitare per un certo periodo i bagni di mare e la fotoesposizione, prima che le manifestazioni si infettino e si abbia una disseminazione delle lesioni. Il rischio è anche che residui una nevrite post-herpetica, spesso molto dolorosa, per cui riguardo fisico e segua bene le terapie prescritte. Cordialità, Dott.ssa Anna Di Landro - GISED


Aggiornato il 06 ott 2014  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Mostra "Arte e Pelle", Bergamo 4-31 Ottobre 2014