Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Hans Holbein il Giovane e lo scrofuloderma

Servizi online

Ritratto di Sir Richard Southwell

» Torna alla Galleria


















Ritratto di Sir Richard Southwell (Hans Holbein il Giovane, 1497-1543)

Hans Holbein il Giovane, nato ad Augsburg (Bavaria) nel 1497 e morto a Londra nel 1543, è stato uno dei più grandi ritrattisti del '600: famosi i ritratti di Erasmo da Rotterdam e Anna di Cleve (oggi al Museo del Louvre), quelli del re Enrico VIII, di san Tommaso Moro e dell'arcivescovo di Canterbury.

Dopo aver lasciato la sua città natale si trasferì in giovane età a Basilea, quindi a Lucerna iniziando la sua attività artistica dipingendo alcuni affreschi e preparando disegni per alcune vetrate. In seguito continuò a spostarsi per l'Europa lavorando anche come illustratore di libri per l'editore Froben e venendo a contatto con la cerchia di Erasmo da Rotterdam.

Si trasferì infine in Inghilterra dove divenne molto noto per i suoi ritratti, sia per la tecnica mostrata che per la capacità di rappresentare le caratteristiche psicologiche dei soggetti.

In alcuni dei ritratti egli dipinge la figura di Sir Richard Southwell, un influente membro della corte d'Inghilterra: sia nei disegni preparatori che nei dipinti si possono osservare sul collo e sulla fronte due cicatrici, probabilmente dovute a una forma di tubercolosi cutanea detta anche scrofuloderma. L'infezione della pelle è dovuta allo stesso microrganismo della tubercolosi polmonare. Oggi è in realtà una malattia molto rara, ma nei secoli passati era piuttosto diffusa.

Lo storico francese Marc Bloch nel suo libro "I re taumaturghi" ha descritto l'origine della tradizione medioevale, detta appunto dei re taumaturghi, secondo la quale i sovrani francesi avrebbero avuto la capacità "miracolosa" di guarire dalla scrofola ponendo le mani sulle lesioni e recitando una opportuna formula.



Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email