Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Giorgione e la vecchia con la cheilite

Servizi online

La vecchia

» Torna alla Galleria



















La vecchia (Giorgione, 1477-1510)

Giorgio o Zorzo da Castelfranco è il nome del pittore, nato e morto a Castelfranco Veneto (forse 1477-1510), meglio noto come Giorgione. Figura abbastanza misteriosa, Giorgione è considerato un precursore del sentimento moderno dell'arte. I suoi dipinti sono caratterizzati da un uso personale del colore, carico e luminoso, ricco di sfumature e chiaroscuri soprattutto nei paesaggi che fanno da sfondo alle figure umane. Lo stesso Vasari parla di "maniera moderna" riferendosi alla pittura di Giorgione e lo descrive con queste parole: "Il quale, quantunque nato d'humilissima stirpe, non fu però se non gentile e di buoni costumi in tutta sua vita..."

Tra le non moltissime opere attribuite al pittore, morto in giovane età a causa della peste, spiccano anche ritratti di personaggi del tempo, alcuni ritratti di giovani e un ritratto di vecchia, probabilmente sua madre. La donna guarda lo spettatore volgendo il viso, quasi a volergli comunicare qualcosa, forse la frase scritta nel foglio che tiene in mano: un avvertimento a considerare le conseguenze dello scorrere del tempo, visibili sul suo volto.

Proprio sul volto dell'anziana donna, oltre alle rughe, è possibile osservare al lato destro delle labbra, una cheilite angolare o boccheruola, una infiammazione della bocca che può essere dovuta a candidiasi, carenze nutrizionali (vit. B12, ferro) oppure essere una modificazione cutanea legata alla vecchiaia.

Ringraziamo per la gentile segnalazione il Dr. Claudio F. Farina, Direttore USC Microbiologia e Virologia, AO Papa Giovanni XXIII - Bergamo.


Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email