Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Francisco Goya e l'alopecia areata

Servizi online

Il matrimonio

» Torna alla Galleria













Il matrimonio (Francisco Goya, 1746-1828)

Di Francisco Goya, pittore spagnolo nato a Fuendetodos nel 1746 e morto a Bordeaux nel 1828, abbiamo già parlato in questa sezione a proposito del dipinto La famiglia di Carlo IV. Figlio di un doratore, iniziò presto a frequentare lo studio di un pittore dove conobbe Francisco Bayeu, altro pittore che in seguito diventerà suo cognato e che, come pittore di corte, lo aiuterà ad entrare nella Real Fábrica de Tapices de Santa Bárbara. Nel 1786 fu promosso pittore di corte, segno di un crescente successo dovuto anche al particolare favore di cui godeva presso il re Carlo IV. Con l'ascesa al trono di Ferdinando VII, Goya decise di ritirarsi in campagna e poi in esilio a Bordeaux.

Artista ricco di talento e sensibilità, Goya era in grado di rappresentare personaggi del popolo o dell'aristocrazia in maniera molto realistica, evidenziandone anche i difetti.

Negli anni 1791-2 dipinse un olio su tela dal titolo
"Il matrimonio", commissionato dal re Carlo IV per decorare una sala del palazzo reale. Nella tela è rappresentato un matrimonio "di convenienza": una bella, giovane sposa, affiancata dallo sposo, più vecchio e poco attraente, guida un corteo nuziale sotto un arco di pietre. Davanti ai due sposi, così diversi, un gruppo di bambini che si diverte e tra questi uno presenta sul capo i segni di una precoce perdita di capelli.

Potrebbe trattarsi di alopecia areata, una malattia autoimmune che determina perdita di capelli a chiazze, e per la quale non esistono cure definitive anche se spesso è possibile una ricrescita spontanea dei capelli.

Oppure potrebbe trattarsi di una infezione da
Tinea capitis, dovuta a miceti del genere Tricophyton e Microsporum, che può determinare perdita di peli.


Aggiornato il 22 giu 2017  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email