Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Calcola il tuo BMI (Body Mass Index)

Servizi online

Usiamo il calcolatore per conoscere il nostro BMI.

Inserendo nel calcolatore i valori numerici corrispondenti al peso (espresso in Kg) ed all'altezza (espressa in cm) otterremo un numero corrispondente all'indice di massa corporea o BMI.

Peso (Kg) :
Altezza (cm) :

Cos'è il BMI?

Il Body Mass Index o BMI corrisponde all'indice di massa corporea, un numero che esprime la relazione tra il peso di una persona e la sua altezza e permette di stabilire quanto il nostro peso sia al disopra o al disotto della giusta proporzione. Storicamente deriva dal cosiddetto Indice di Quetelet descritto nel 1832 dal poliedrico matematico belga Adolphe Quetelet (vedi qui).

Come si calcola il BMI?

Il BMI di un individuo si ottiene dividendo il peso, in chilogrammi, per il quadrato dell'altezza, in metri.

BMI = peso / m x m

Es. BMI = 72 kg / (1.65 x 1.65) m² = 25.7 il numero ottenuto è proprio l'indice di massa corporea.

In relazione al BMI misurato un individuo può essere inserito in varie categorie.

L'organizzazione Mondiale della Sanità ha elaborato questa classificazione dei differenti valori di BMI negli adulti:

Classificazione di valori di BMI negli adulti e rischio di potenziali malattie associate all'obesità (es. malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, cancro, osteoartrite, dolore cronico della schiena, malattie della cistifellea etc. vedi qui)

Classificazione BMI Rischio di malattie associate
Sottopeso < 18,50 Basso (ma aumentato rischio di altre patologie)
Intervallo normale 18,50 - 24,99 Medio
Sovrappeso: >= 25,00
Preobeso 25,00 - 29,99 Aumentato
Obeso classe I 30,00 - 34,99 Moderato
Obeso classe II 35,00 - 39,99 Grave
Obeso classe III >= 40,00 Molto grave

I valori di BMI sono indipendenti dall'età e simili per entrambi i sessi. La tabella (vedi qui) mostra una relazione semplificata tra BMI e rischio di comorbidità che può essere influenzata da una serie di fattori quali natura dell'alimentazione, gruppo etnico e livello di attività. I rischi associati all'aumento del BMI sono continui e graduali ed iniziano ad un valore di BMI superiore a 25.

I rischi associati ad un elevato BMI

Vari studi stanno rivelando una correlazione importante tra BMI e salute del corpo. Sembra proprio che accumulare grasso in quantità eccessiva sia nocivo per il nostro benessere. Il BMI è uno strumento semplice ma utile per misurare il livello di obesità individuale o di una popolazione ed i rischi associati.

In campo dermatologico recenti studi hanno individuato un possibile collegamento tra obesità ed insorgenza o risposta ai trattamenti in alcune patologie cutanee.

Ad esempio lo studio Psocare ha evidenziato una forte influenza del valore di BMI e quindi del livello di obesità sulla risposta clinica precoce al trattamento sistemico della psoriasi (vedi qui), mentre uno studio caso-controllo, coordinato dal CentroStudiGISED, ha misurato una forte associazione tra alto valore del BMI e rischio di melanoma cutaneo maligno in pazienti italiani (vedi qui).

Sempre a proposito di psoriasi due studi recenti hanno individuato una significativa associazione tra elevato BMI ed insorgenza e gravità della psoriasi sia in individui adulti (vedi qui) che in bambini (vedi qui).

Negli adolescenti una condizione di sovrappeso può essere collegata ad un maggiore rischio di malattie cardiovascolari in età adulta (vedi qui).

Anche un BMI molto basso ha comunque i suoi rischi: uno stato di malnutrizione favorisce l'insorgere di numerose malattie compromettendo soprattutto il sistema immunitario.

Misura della circonferenza addominale

Un altro fattore utile nella valutazione di possibili rischi conseguenti all'aumento di peso è la misura della circonferenza addominale, correlata all'accumulo di grasso sia a livello dell'addome che nel resto del corpo.

La circonferenza addominale viene misurata utilizzando un comune metro da sarta e posizionandolo esattamente a metà tra il limite inferiore della cassa toracica e la cresta iliaca, all'incirca a livello dell'ombelico.

Secondo l'OMS il rischio di complicazioni metaboliche associate all'aumento della circonferenza addominale è differente nei due sessi (vedi qui):

Rischio di complicazioni
metaboliche
Circonferenza addominale (cm)
Uomini Donne
Aumentato >= 94 >= 80
Sostanzialmente aumentato >= 102 >= 88

Un aumento del grasso addominale sembrerebbe anche legato ad un maggiore rischio di sviluppare psoriasi (vedi qui).


Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email