Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Bruegel il Vecchio e la lebbra

Servizi online

Gli storpi

» Torna alla Galleria



















Gli storpi (Pieter Bruegel il Vecchio, 1526/1531-1569)

Nato probabilmente vicino a Breda (in Olanda) tra il 1526 ed il 1531, Pieter Bruegel proveniva da una famiglia di incisori fiamminghi. Fu allievo di Pieter Coecke van Aelst e in seguito di Hieronymus Cock, visitò la Francia e l'Italia e si stabilì infine a Bruxelles dove morì nel 1569.

Detto il Vecchio per distinguerlo dal figlio, sempre pittore, Pieter Bruegel è stato uno dei più importanti rappresentanti della pittura fiamminga ed europea del '500.

Nei suoi dipinti emerge una umanità varia, composta di contadini, gaudenti, mendicanti, uomini sventurati nel fisico e nella mente. Bruegel rappresenta la natura che si manifesta in tutti i suoi aspetti attraverso questi personaggi quasi comici e grotteschi ma profondamente umili e descritti nella loro dolorosa condizione.

Nel dipinto Gli storpi, del 1568, Bruegel dipinge alcuni mendicanti storpi che vanno in giro muovendosi con l'aiuto di stampelle ed altro. Essi indossano anche code di volpe e sonagli, probabilmente portati per segnalare la loro condizione di lebbrosi e mendicanti.


Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email