Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Bernardino Luini e il basalioma nodulare

Servizi online

Salome con la testa di Giovanni Battista

» Torna alla Galleria

















Salome con la testa di Giovanni Battista (Bernardino Luini, 1480(?)-1532)

Bernardino De Scapis (noto anche come Bernardino Luini) nacque intorno al 1480 a Dumenza, in provincia di Varese, e morì a Milano nel 1532. Fece il suo apprendistato probabilmente a Milano, presso la Fabbrica del Duomo, sotto la guida di Giovan Stefano Scotti e si trasferì poi a Venezia dove potrebbe aver lavorato con il pittore Gerolamo Dai Libri.

Ritornato a Milano nel 1509 ricevette incarichi sia da istituzioni religiose che da nobili per la produzione di affreschi, per decorare chiese e case private. Tra le opere ricordiamo la decorazione dell'intera parete che separava il Monastero Maggiore dalla chiesa di San Maurizio a Milano: si tratta del cosiddetto Tramezzo che serviva a separare le suore dagli altri fedeli. La parete è decorata da entrambi i lati ed è stata recentemente restaurata grazie alla donazione di un anonimo.

Oltre agli affreschi di argomento religioso o che prendono spunto dalla mitologia classica, Bernardino Luini fu autore di numerosi dipinti su tela o tavole di legno, molti dei quali sono stati smembrati e rivenduti a differenti proprietari.

Tra le opere su tela alcune rappresentano la vicenda di Salomè e San Giovanni battista. In particolare nel dipinto, olio su tela, "Salomè con la testa del Battista" attualmente ospitato dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, vediamo Salomè che tiene tra le mani un vassoio con la testa di San Giovanni Battista mentre a lato appare la testa di Erode. Evidente il contrasto tra il viso luminoso e perfetto di Salomè e quello invecchiato e scuro di Erode.

Visibile sul naso di Erode una formazione tondeggiante, un probabile basalioma nodulare, tumore della pelle tipico delle persone anziane.


Aggiornato il 02 ago 2017  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email