Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Approfondimenti di Dermatologia - aprile 2009

Effetti cutanei dei terremoti

Pubblicata il 27/4/2009

mappa terremotiLa pelle è sicuramente il primo organo a subire danni in caso di terremoti. Danni fisici e traumatici almeno in un primo momento, seguiti da altri disordini dermatologici. Alcuni sintomi, soprattutto nelle regioni povere del mondo o difficilmente raggiungibili dai soccorsi, derivano da scarsa igiene, presenza di polvere nell'ambiente, perdita della casa e necessità di vivere in tende.

Col passare del tempo inoltre possono manifestarsi o peggiorare disordini dermatologici correlati allo stress emotivo determinato dall'evento.

Nel 1994 un forte terremoto colpiva Northridge in California. Circa due settimane dopo, in alcune città della vicina Ventura County si manifestava una epidemia di coccidioidomicosi, una micosi sistemica determinata dall'inalazione delle spore fungine.
In questo caso l'insorgenza dell'epidemia fu messa in relazione alla disseminazione di artrospore trasportate dalle nuvole di polvere originate dal terremoto (1).

Giappone, Gennaio 1995, un terremoto, definito Great Hanshin Earthquake, scuoteva la città di Kobe, determinando circa 5.500 vittime ed oltre 40.000 feriti.

Per studiare gli effetti dello stress da terremoto sui sintomi di dermatite atopica, a 1.457 pazienti, con dermatite atopica diagnosticata prima del terremoto, fu chiesto di rispondere ad alcune domande sulla loro condizione dermatologica, un mese dopo l'evento.

I pazienti, divisi in due gruppi corrispondenti a due zone più o meno colpite dal sisma (A e B rispettivamente), furono paragonati ad un gruppo di controllo (C) proveniente da zone non danneggiate.
I risultati dello studio evidenziavano un aumento del numero di pazienti con aggravamento dei sintomi nelle zone A e B ( 38.4% e 29.1%) rispetto al controllo C (6.8%). Nello stesso modo, 9.1% e 4.5% dei pazienti nelle zone A e B presentavano miglioramento dei sintomi rispetto al gruppo di controllo, 1.2%
I pazienti che avvertivano stress emozionale in risposta al danno erano 62.9 %, 48.1% e 19.3% nelle aree A, B e C.
Oltre allo stress, altri fattori implicati nell'aggravamento dei sintomi risultavano l'interruzione delle medicazioni, l'impossibilità di lavarsi, la presenza di polvere nell'ambiente e, sembra, anche la necessità di dover vivere in una tenda (2).

Due articoli hanno analizzato invece le conseguenze di due terremoti in Turchia. Il primo articolo era riferito ad un terremoto dell'Agosto 1999, con 17.000 vittime, 24.000 feriti e più di 500.000 senza tetto, nella regione di Marmara, nel Nord-Est della Turchia ed analizzava l'influenza del terremoto sul numero di ammissioni al reparto di dermatologia del locale ospedale nei tre mesi precedenti e successivi al terremoto.

L'analisi retrospettiva del numero di pazienti ammessi evidenziava un aumento nei casi di infezioni-infestazioni (infezioni fungine, tigna del piede, dermatosi virali, morsi di insetti, scabbia, infezioni batteriche) nei tre mesi successivi al terremoto rispetto ai tre mesi precedenti. Per le altre dermatosi non risultavano invece significative differenze.

Col passare del tempo si osservava un aumento dei casi di malattie eritemato-squamose, prurito, dermatosi neurocutanee ed eczema. Mentre diminuiva l'incidenza di infezioni, infestazioni e dermatosi da fattori fisici.
Non veniva invece rilevato alcun aumento di altre patologie spesso associate a fattori psico-emozionali quali psoriasi, dermatite atopica, alopecia areata, vitiligine ed orticaria(3).

Circa 3 mesi dopo, un secondo terremoto distruggeva altre due città, sempre in Turchia, uccidendo circa 1.000 persone e lasciando migliaia di persone senza casa. 25 giorni dopo alcuni dermatologi esaminavano la pelle dei superstiti diagnosticando 33 tipi di malattie cutanee classificate in 6 gruppi: disordini traumatici, allergici, psicogenici, microbici, parassitici, vari.

Il gruppo più rappresentato era quello delle malattie da parassiti (pediculosi del capo, scabbia), seguito dalle malattie microbiche (foruncoli, impetigine contagiosa, tigna del piede e cellulite), dalle malattie allergiche (dermatite da contatto, dermatite atopica, orticaria).
Quanto alle malattie correlate allo stato di stress emotivo molti superstiti mostravano disordini psicogeni (alopecia areata, escoriazioni neurotiche, psoriasi e vitiligine), furono anche osservati casi isolati di malattia di Behcet, callosità e ipercheratosi palmo-plantare (4).

Un'altra testimonianza viene da un articolo scritto dopo il terribile terremoto di Azad Kashmir nel Nord del Pakistan, nel 2005. Circa 75.000 persone persero la vita, 150.000 furono i feriti e 2.500.000 i senza tetto.

Due ambulatori dermatologici furono operativi per circa un mese in due diverse zone del Pakistan: in totale furono registrati 522 pazienti, età media 22,8 anni. Per riconoscere i vari tipi di dermatosi ed i disordini psicopatologici associati veniva usato un particolare tipo di questionario detto General Health Questionnaire (GHQ-12).

Anche in questo caso i disordini più frequenti erano infestazioni, seguite da infezioni. Erano osservati soprattutto casi di scabbia, mentre poco comuni erano infezioni fungine, probabilmente a causa del clima freddo della regione.

Tra le malattie dermatologiche, associate al trauma psicologico conseguente al terremoto, gli autori rilevavano aumento di acne, eczema e psoriasi. Si osservava poi un aumento di disordini psico-cutanei quali tricotillomania, dermatite artefatta, escoriazioni neurotiche etc., soprattutto in pazienti con gravi perdite economiche o personali. Effetti simili erano riscontrati anche nel gruppo di controllo.

In generale negli studi considerati si osservano sintomi dermatologici acuti dovuti ai danni del terremoto (traumi o cattive condizioni igieniche) mentre nei mesi successivi si manifesta un aumento dei sintomi dermatologici collegati a situazioni di stress psicologico (5).

A cura della Redazione scientifica.

  1. Schneider E, Hajjeh RA, Spiegel RA, eta l. A coccidioidomycosis outbreak following the Northridge, Calif, earthquake. JAMA. 1997;277:904-8.
  2. Kodama A, Horikawa T, Suzuki T et al. Effect of stress on atopic dermatitis: investigation in patients after the great hanshin earthquake. J Allergy Clin Immunol. 1999 ;104:173-6.
  3. Bayramgürler D, Bilen N, Namli S, et al. The effects of 17 August Marmara earthquake on patient admittances to our dermatology department. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2002;16:249-52.
  4. Oztas MM, Onder M, Oztas P, Atahan C. Early skin problems after Düzce earthquake. Int J Dermatol. 2000;39:952-3.
  5. Gupta MA, Lanius RA, Van der Kolk BA. Psychologic trauma, posttraumatic stress disorder, and dermatology. Dermatol Clin. 2005;23:649-56. Review





Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email