Centro Studi GISED


Vai ai contenuti
Cambia lingua  IT EN

Andrea Mantegna e la neurofibromatosi di tipo I

Servizi online

Camera degli sposi

» Torna alla Galleria
















Camera degli sposi (Andrea Mantegna, 1431-1506)

Andrea Mantegna, nato in provincia di Vicenza nel 1431 e morto a Mantova nel 1506, fu pittore estremamente precoce: già a 17 anni contribuì all'esecuzione di una serie di affreschi nella Cappella Ovetari, nella chiesa degli Eramitani a Padova. Purtroppo queste opere sono state distrutte durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale ma di esse esistono comunque testimonianze fotografiche.

Visse a Padova dove sicuramente venne a contatto con Donatello e nello stesso tempo subì l'influenza del pittore archeologo Francesco Squarcione, da cui avrebbe ereditato l'amore per il mondo antico.

Nel 1460 Mantegna si trasferì a Mantova come pittore di corte dei Gonzaga e qui dipinse la famosa Camera degli sposi nel palazzo della famiglia Gonzaga: si tratta di un ciclo di affeschi completato sembra nel 1474. Tutte le pareti della sala, compreso il soffitto, sono ricoperte da affreschi tra i quali appare anche il volto dello stesso autore.

La famiglia del marchese è rappresentata su una parete: Lodovico Gonzaga e sua moglie Barbara di Brandeburgo sono seduti e circondati dal resto della famiglia, dalla corte, e dai cani. Accanto alla moglie possiamo vedere una donna affetta da nanismo: una figura spesso presente nelle corti del tempo.

Un recente articolo pubblicato dalla rivista The Lancet Neurology avanza l'ipotesi che il nanismo della donna derivi da una malattia genetica, la neurofibromatosi di tipo I. La donna infatti presenterebbe, oltre alla basa statura, alcuni segni caratteristici della malattia: neurofibromi sul viso, macchie "caffè-latte" sulle guance e sul mento, numerosi noduli di Lish nell'iride, una testa molto grande ed il dito indice destro deformato.



Aggiornato il 28 nov 2016  -  Centro Studi GISED  P.I. 02274270988 | Condizioni d'uso    Privacy    Credits

Torna ai contenuti | Torna al menu
Facebook Twitter Google+ LinkedIn Email